Qualche cenno sull'argomento:

NEL CUORE DEL CENTRO STORICO

Il Palazzo di Città venne realizzato tra il 1826 e il 1829 su progetto dell’architetto piemontese Giuseppe Cominotti. La facciata sul Corso Vittorio Emanuele II si caratterizza per il purismo neoclassico delle forme. Al primo piano, in facciata, si può ammirare il balcone in ferro battuto dal quale tradizionalmente i rappresentanti della Municipalità si affacciano in occasione dell’annuale discesa dei Candelieri, secondo un’usanza che risale al Cinquecento, quando dall’antico balcone ligneo si assisteva alle corse all’anello e ad altre evoluzioni dei cavalieri. Oggi le sale del Palazzo di Città offrono al visitatore un percorso espositivo museale diviso in due sezioni. L’ala ovest, con ingresso dal corso Vittorio Emanuele II, offre un’immediata rappresentazione dei luoghi, della memoria e dell’identità cittadina. Dalla sala, attraverso il foyer, si accede allo storico Teatro Civico, ispirato al Teatro Carignano di Torino. L’ala est del palazzo, con accesso dalla via Sebastiano Satta, ospita al piano terra l’Ufficio Informazioni Turistiche del Comune di Sassari e ai piani superiori gli allestimenti sul tema dell’abbigliamento tradizionale tra città e campagna. Una sala ospita le opere di Eugenio Tavolara: la Settimana Santa e il Carnevale di Sassari.