Project Description

Il sentiero degli agrumi
Lungo la via Giardini sono visitabili i caratteristici agrumeti muraveresi. Testimoni di una lunga tra- dizione agricola, al loro interno gli agrumicoltori si dedicano alla cura delle piantagioni che producono varie tipologie di agrume. Le origini di questa col- tura nel territorio del Sarrabus risalgono alla dominazione spagnola. La produzione agrumicola del Sarrabus in forma intensiva si è iniziata a sviluppare a partire dagli anni ’60. La strutturazione degli impianti degli agrumeti è avvenuta già a partire dal  1928  quando  le  antiche  cultivar  di biondo comune e vaniglia vennero affiancate a nuove cultivar di agrumi ombelicati importati dalla California dalla muraverese Maria Nina Cucca. La varietà che ne deriva, detta, forse impropriamente, Washington navel e che rappresenta l’80% della produzione, è in realtà una popolazione varia costituita da un insieme di cultivar e varietà selezionate in modo naturale, attraverso decenni di innesti e impollinazioni, che rappresentano una biodiversità specifica dell’area.

La Chiesa parrocchiale di San Nicola di Bari
Ubicata a ridosso del nucleo originario del paese. Dell’impianto originario quasi certamente di età altomedievale, oggi permane solamente parte dei muri perimetrali, coperti da uno spesso strato di intonaco. Il monumento è stato sottoposto a numerosi interventi di risanamento e ristrutturazione che ne hanno definitivamente compromesso lo stile primitivo; attualmente le forme stilistiche presenti al suo interno mostrano particolarità tipiche dell’architettura gotico-catalana isolana, riconducibili al XV-XVI secolo d.C. L’edificio presenta al suo interno una navata unica, su cui si aprono le cappelle laterali, terminante con un presbiterio di forma quadrata.
All’esterno si eleva un campanile tardo gotico merlato, risalente al XVII secolo d.C.

Su Cunventu
All’interno dell’abitato, in località Su Cunventu, sono state rinvenute strutture di età nuragica. Dagli scavi è emersa una capanna circolare, di cui rimane un circolo costruito con pietre di medie e grandi dimensioni. All’interno è presente un piccolo ambiente quadrangolare in pietre di scisto, messe in opera a secco, ricoperto di terra arrossata per contatto con fuoco, identificabile probabilmente con una fornace. Oltre alla capanna sono stati ritrovati un segmento di forma circolare e un ambiente rettangolare diviso in due ambienti.
Questi edifici costituiscono un insieme da riferire, probabilmente, ad ambito di culto, anche se, finora, non sono stati rinvenuti ex voto.