Gonnosfanadiga 2017

Le vie dell’Acqua – I pozzi pubblici

, , ,

L’acqua è materia prima per il pane gustoso, è sostanza che rende succosa l’oliva, è nutrimento per la terra, linfa vitale per frutti ed ortaggi, disseta gli animali per fare buon latte e buone carni. Ancora oggi, camminando tra le vie del paese, è possibile incontrare esempi di pozzi pubblici, disposti agli angoli delle strade. [...]

Ex Frantoio Porta

, , , ,

Dal frantoio Sogus, costeggiando il fiume, potrete raggiungere un altro monumento fondamentale per conoscere appieno la cultura e la storia enogastronomica del paese. L’ex frantoio Porta si trova sulla sponda del Rio Piras, importante simbolo del paese. Il Molino ad acqua (Molino Cecchini) sfruttava la forza dell’acqua pura del fiume, proveniente dalle sorgenti del Monte [...]

Ex orfanotrofio “Suor Emilia”

, ,

Negli anni Cinquanta Suor Emilia decise di ampliare la propria casa natale per farne una casa di accoglienza per orfane. Alla sua morte la struttura passò al Comune di Gonnosfanadiga. Nel 2007 sono iniziati i lavori di recupero che hanno interessato tutto lo stabile, da adibire a Laboratorio degli Antichi Mestieri. Due corpi di fabbrica [...]

La casa del sarto

,

percorso della memoria Risalente alla seconda metà dell’800 era il luogo di abitazione e la dimora di lavoro da sarto del capofamiglia. Gli attrezzi della piccola sartoria domestica sono stati ricollocati all’interno della struttura, oggi restaurata. Via Cagliari 41, 09035 Gonnosfanadiga VS Visite guidate sabato dalle 15.00 alle 20.00 e [...]

Frantoio Sogus

, , , ,

Gonnosfanadiga è una delle 325 città dell’olio d’Italia. La produzione di olive e olio extravergine sono la colonna portante dell’economia e della cultura gastronomica del paese. Per questo motivo è decisamente consigliata la visita ai frantoi storici, come il Frantoio Sogus, sito in via Cagliari, che fu attivo dal 1960 al 2001. All’interno potrete visitare [...]

Frantoio Bardi

, ,

Nel lontano 1800 Antonio Bardi, dopo un’infanzia trascorsa in Toscana, si trasferì a Gonnosfanadiga. Industriale, pioniere nel settore olivicolo, nel 1890 realizzò il primo vero laboratorio per la lavorazione delle olive e la produzione di olio. Perfezionò un vecchio impianto: mola con pareti in acciaio, base e macina in granito ed un torchio azionato a [...]

Via Marconi e Via Cagliari

, ,

L’attacco aereo del 17 febbraio 1943 avvenne intorno alle 14.45, quando dodici aerei americani del fronte alleato bombardarono l’abitato gonnese. Centinaia di spezzoni caddero lungo la Via Porru Bonelli, la strada principale, e sulla sua parallela, Via Marconi. Anche la Via Cagliari, nelle vicinanze dell’argine del fiume, fu fortemente colpita. In quell’area, alcune donne e [...]

Cimitero Monumentale

, ,

Addentrandosi nel cimitero di Gonnosfanadiga, sulla sinistra si potrà scorgere una sezione di sepolture a terra molto modeste, segnalate da semplici croci in pietra o ferro. Nel leggere le date ci si renderà conto che molte di esse fanno riferimento alla stessa tragica giornata: il 17 febbraio 1943. Strada Statale 196 di Villacidro, 12 [...]

Piazza 17 Febbraio

, ,

Il 17 febbraio 1943, il paese venne lacerato da un devastante e inaspettato bombardamento americano, che provocò 97 vittime civili, oltre a numerosissimi feriti. Questo bombardamento colpì in particolar modo il lungofiume, la via Porru Bonelli e la via Marconi. Il monumento ai caduti si trova nella Piazza 17 Febbraio, lungo la via Porru Bonelli, [...]

Parco e miniera di Perd’e Pibera

, , , ,

Un percorso naturalistico non sarebbe degno di questa denominazione se non includesse la visita ad uno dei simboli del territorio di Gonnosfanadiga: il Parco Comunale di Perda de Pibara. Situato a circa 6 km dal centro abitato, il sito ospitava un importante giacimento minerario. Attiva sin dal 1870, la miniera fu dismessa negli anni 50’ [...]

Monte Granatico

, , , ,

I monti frumentari, o granatici, sorsero in Sardegna nel XVII secolo con lo scopo di conservare le sementi e distribuirle ai contadini poveri per consentire loro la semina, con l’obbligo poi di restituirle. Lo scopo era quello di aumentare il reddito agrario, scongiurare le carestie e combattere l’usura. Il Monte Granatico di Gonnosfanadiga è un [...]

La gradinata e la Grotta in onore della Madonna di Lourdes

, , , ,

L’idea di costruire un monumento come quello che ci apprestiamo ora a descrivere non venne ad un architetto o ad un ingegnere, ma ad umile cittadino gonnese: Carmine Deriu. Questi immaginò la Madonna in cima al colle di San Simeone, e decise dunque di attivarsi immediatamente per reperire i fondi e i materiali necessari per [...]

Chiesa della Beata Vergine di Lourdes

, , , ,

La Chiesa dedicata alla Madonna di Lourdes è la più recente fra quelle edificate nel paese, ma non per questo la meno interessante. Sorge nella parte bassa del paese, meglio nota come “Gonnos de basciu”, in un’area che fino a poco tempo prima della sua consacrazione (risalente al 1970) era ancora campagna. Ciò che colpisce [...]

Chiesa campestre di Santa Severa

, , , ,

Dal sentiero sterrato, immerso nel verde, che si apre dal colle San Simeone o dalla strada che dai piedi della Gradinata si apre sulla destra, si raggiunge un luogo pieno di fascino e storie da raccontare. Piccole squame colorate compongono una cupola tondeggiante. Per lo stile costruttivo e la presenza della cupola all’incrocio dei bracci, [...]

Chiesa del Sacro Cuore

, , , ,

La Chiesa del Sacro Cuore, che si affaccia sulla Piazza Vittorio Emanuele, fu edificata fra il 1913 e il 1934 sull’area che precedentemente era occupata dall’antica Chiesa di Sant’Elia, chiusa al culto nel 1903. La Chiesa è a pianta regolare, a tre navate, con abside. Gli interni sono impreziositi da particolari decorazioni: pitture murali recanti [...]

Vedi Altri