Ploaghe 2017

Tomba dei giganti di Fiorosu

, , ,

È tra le maggiori, per dimensioni dell’esedra, della Sardegna. Situata a circa 300 metri dal nuraghe Fiorosu, è stata segnalata e studiata unicamente dalla prof.ssa Lillina Fiori nella sua tesi di laurea nell’anno accademico 1965-1966. La studiosa definisce l’impianto alquanto imponente: misura complessivamente m 22; l’esedra ha una lunghezza di corda di m 18 e [...]

Funtana Manna

, , ,

Si tratta di un antico lavatoio che si trova vicino alla vallata cosiddetta di Zaccaria. In periodo medievale la popolazione era accentrata intorno alla chiesa di S. Pietro per la scelta dettata, soprattutto, dalla presenza della Funtana Manna, che, insieme a Funtana Ena e Domus Maiore, consentiva la provvigione idrica del villaggio. In passato esisteva [...]

Fonte nuragica di Frades Mareos

, , ,

La fonte rappresenta l’unica testimonianza di luogo di culto nel territorio di Ploaghe. È ubicata su una collina nelle immediate vicinanze dell’abitato, nella zona denominata Serras, vicino ai resti del nuraghe Frades Mareos, a cui si arriva tramite una strada sterrata che si collega all’uscita del paese per Chiaramonti. Si presenta in buone condizioni, nonostante [...]

Archivio parrocchiale e Biblioteca antica

, ,

L’archivio e la biblioteca sono oggi custoditi presso i locali della Chiesa di S. Pietro (Casa del Fanciullo) e sono composti da diversi fondi, il più importante è costituito dai volumi donati alla Parrocchia dal nostro illustre concittadino Giovanni Spano con testi del ‘400 e ‘500, libri di teologia, storia, filosofia, esegesi biblica e studio [...]

Oratorio del Rosario e Pinacoteca

, , ,

L’oratorio è sede delle opere della Quadreria Spano, dipinti raccolti dallo studioso Giovanni Spano in seguito alle sue innumerevoli escursioni nelle chiese e nei conventi di tutta la Sardegna e da lui donati alla chiesa di San Pietro nel 1873. Le opere vanno inserite nell’iniziativa volta alla tutela del patrimonio artistico della terra sarda, tanto [...]

Chiesa di Sant’Antonio di Salvennor

, , , ,

Negli atti della visita pastorale di mons. Alepus del 1553, si dichiara che la chiesa medievale era la parrocchiale del villaggio di Salvennor. Riedificata presumibilmente nel XIII secolo dai monaci di Vallombrosa, che si avvalsero delle stesse maestranze del San Michele. Ha un’unica navata absidata con copertura in travi di legno. È dotata di una [...]

Chiesa di San Sebastiano

, , , ,

L’edificio è situato ad ovest di Ploaghe, vicino alla fonte di Riuttu o Rivuttu, ed è raggiungibile mediante una strada a fondo naturale che, passando a fianco della Ferrovia dello Stato, sfocia nella vecchia strada che collegava Ploaghe con Sassari e che, percorrendo il tavolato di Coloru (strettoia), lungo almeno otto chilometri, arrivava sino a [...]

San Michele di Salvennor

, , , ,

Nella prima metà del XII secolo, durante il regno di Costantino I, si insediarono nel Logudoro i Vallombrosani. La chiesa fu edificata, presumibilmente, dal giudice Mariano I tra il 1065 e il 1082, ma non sappiamo quando passò ai Vallombrosani. La chiesa è costruita con pietre calcaree e vulcaniche bianche e nere. Ha pianta a [...]

Nuraghe Don Micheli

, , , ,

Il nuraghe De Planu o Don Micheli, ha diametro di m. 12,50 e la larghezza muraria di quattro metri. L’ingresso alla torre è orientato a sud-ovest. Presenta un architrave spaccato verticalmente. Alla cella circolare, avente un diametro di m. 3,80, vi si accede attraverso un corridoio lungo m 4,50, ostruito per due metri. Anche questo [...]

Chiesa di Valverde

, , , ,

Probabilmente era già in rovina alla fine del XVIII secolo, come risulta da una relazione del Vicario Devilla nel 1824. Nel 1836 l’edificio fu ristrutturato e dedicato alla Madonna di Valverde con il contributo della maestra di catechismo Maddalena Lei e dal rettore Salvatore Cossu. Nel trentennio seguente, la chiesa venne adibita a scuola femminile. [...]

Chiesa di San Matteo

, , , ,

Fu costruita prima del 1649, come risulta dai registri di amministrazione della parrocchia ed è situata a brevissima distanza dalle pendici del piccolo colle vulcanico di cui porta il nome, il monte San Matteo. L’edificio è di modeste dimensioni, ha un’unica navata e dotata di altare maggiore. Dai documenti emerge che nel 1688 la chiesa [...]

Ex Convento

, , , ,

L’edificazione del Convento, annesso alla chiesa di S. Antonio da Padova, è da collocare tra il 1652 ed il 1659 ed è da inserirsi in quel processo di rinnovamento ecclesiastico che aveva investito la Sardegna dopo il Concilio di Trento. Le comunità dei frati Cappuccini dovevano stabilirsi all’interno o in prossimità dei centri abitati e [...]

Cimitero monumentale

, , , ,

Da Giovanni Spano apprendiamo che il camposanto di Ploaghe, benedetto nel 1797, fu il primo nell’isola ad essere costruito separato dal corpo della chiesa. Il Camposanto vecchio si trova nella zona chiamata Cortile de Cheia, delimitato dall’oratorio del Rosario e dalla chiesa di San Pietro. La struttura architettonica è quella di una chiesa dalla navata [...]

Oratorio di Santa Croce

, , , ,

Si trova sul lato sinistro di piazza San Pietro, vicino all’Oratorio di Santa Croce e di fronte al Palazzo comunale. Come si legge sull’architrave dell’ingresso, fu costruito nel 1750 durante il rettorato di Raimondo De Quesada. L’orto racchiude le fondamenta del distrutto nuraghe”sa Surzaga” uno dei tre nuraghi che all’origine delimitavano l’abitato di Ploaghe; gli [...]

San Pietro Apostolo

, , , ,

È stata cattedrale della diocesi medioevale dal 1090 all’8 dicembre 1503, quando Papa Giulio II la unì all’Archidiocesi di Torres. L’impianto, risalente al XV secolo, era a due navate alle quali il rettore Giommaria Solinas fece aggiungere una navata laterale simmetrica alla prima. Solo la navata laterale sinistra ha conservato i suoi primitivi archi [...]

Vedi Altri