Quartu Sant'Elena 2016

Cappella e Asilo Infantile “G.B. Dessì Dedoni”

, , , ,

L’edificio è stato realizzato verosimilmente alla fine dell’Ottocento sull’area prospiciente l’ex piazza Mercato (oggi piazza Dessì) dai coniugi Francesco Dessì e donna Aurelia Dedoni. La presenza del IV miglio romano (Sa Perda Mulla), sotto un grande pino, ora scomparsi, ma ben presenti nella memoria degli anziani quartesi, autorizza l’ipotesi che su tutta quest’area fosse stata [...]

Ex Monte Granatico

,

Costituisce un patrimonio di grande valore culturale, sia per l’importanza simbolica e affettiva che riveste, sia per l’evoluzione che lo ha caratterizzato storicamente dalla sua istituzione sino ai giorni nostri. La sua fondazione risale al 1723, in quel periodo il villaggio contava meno di 2500 abitanti ed era chiamato in modo spagnoleggiante Quarte. Il Monte [...]

Chiesa di Sant’Andrea

, , , ,

Nell’omonima località, poco prima di Flumini sulla strada provinciale per Villasimius, sorge la chiesetta di Sant’Andrea, circondata da una vasta piazza. Situata vicino al mare, fu spesso luogo di scorrerie dei pirati barbareschi soprattutto a partire dal XVI sec., quando cioè le sagre campestri ebbero particolare sviluppo, tant’è che nel 1621 il vicerè emanò un’ordinanza [...]

Parco Naturale Regionale Molentargius, Saline

, , , ,

Il Parco Naturale Regionale Molentargius Saline, istituito con Legge regionale nel 1999, costituisce una zona umida di valore internazionale tra le più importanti in Europa. Comprende bacini di acqua dolce (Bellarosa minore e Perdalonga), di acqua salata (Bellarosa maggiore o Molentargius e stagno di Quartu) e una piana di origine sabbiosa (Is Arenas). Le caratteristiche [...]

Palazzo Xaxa

,

Palazzo ad angolo, sito tra via Regina Margherita e via Umberto I, bia Cardaxus nel 1846. Costruito dalla famiglia di Felice Xaxa, tra la seconda metà dell’800 e i primi del '900, su un unico livello di superficie, unendo elementi decorativi stilistici nuovi con aspetti dell’architettura sarda della casa a corte, intorno al 1915 verrà [...]

Palazzo Orrù

,

Il palazzo, in stile liberty, fu edificato su due piani nei primi decenni del 1900 e destinato ad abitazione privata. La casa si erge dal robusto basamento realizzato in pietrame misto, calce e malta. La facciata è contraddistinta da lesene decorative addossate alle pareti che insieme al marcapiano e al cornicione, inquadrano le aperture. Lo [...]

Nuraghe Diana

, , ,

Sorge sulla collinetta di Is Mortorius in località Baia azzurra, l’area archeologica venne occupata durante la seconda guerra mondiale da impianti bellici e logistici. I primi rilievi del complesso risalgono agli anni ‘50 ad opera di Prof. E. Atzeni, mentre le indagini di scavo partirono nel 2000. Si classifica tra i nuraghi complessi: risulta composto [...]

Chiesa di Santa Maria di Cepola

, , , ,

La chiesa è situata nel quartiere omonimo in cui sorgeva l’antico Villa di Cepola. Fu edificata sui ruderi di una chiesa paleocristiana, come testimoniano due frammenti di colonna sistemati all’interno del cortile su cui si affaccia l’edificio. Nel 1089 fu donata dal Giudice Costantino di Cagliari a Riccardo Abate di San Vittore. Subì nel tempo [...]

Chiesa e Sacrestia di Sant’Efisio

, , , ,

La Chiesa di Sant’Efisio, inizialmente dedicata ai SS. Efisio e Sebastiano, fu costruita a partire dal 1728 grazie ad un lascito della benefattrice quartese Maria Piras, anche se alcuni riferimenti fanno supporre la sua esistenza già in epoca medioevale. Con la costruzione della chiesa settecentesca vennero anche realizzate le strade di collegamento, rinominate nel ‘900 [...]

Chiesa di Sant’Agata

, , ,

La chiesa romanica venne costruita a metà del XII secolo, forse per volere del vescovo di Cagliari; andata distrutta per motivi sconosciuti, fu riedificata nel 1280-1300 sulle fondazioni e parte dei muri perimetrali del vecchio edificio, utilizzando anche materiale di spoglio. Le prime notizie sulla chiesa risalgono al 1291, quando il papa concesse l’indulgenza di 1 anno e 40 giorni ai fedeli che l’avessero visitata in occasione della festività di [...]

Chiesa di Nostra Signora del Buoncamino

, ,

La chiesa campestre di Nostra Signora del Buoncammino è situata su un’altura da cui domina il Simbirizzi, sul luogo del villaggio medievale di Simbilis. Sorgeva vicino alla strada romana che passava verso il Sarrabus, intitolata alla Madonna Odigitria, cioè del Buoncammino, a protezione dei viandanti e dei pellegrini. La semplice facciata a capanna dell’impianto originario trecentesco, è conclusa da un campanile [...]

Cripta e Nuovo Presbiterio della Chiesa di San Giovanni Evangelista

, , ,

Il progetto appartiene agli architetti F. Cassano e M. Conte, vincitori insieme ad altre due proposte nel concorso di idee bandito dall’amministrazione comunale il 7 marzo 1988. Il 3 maggio 1992 fu posata la prima pietra. I lavori, sotto la direzione dell’ing. Flavio Torelli, sono in stato di avanzamento. Le funzioni si svolgono nella cripta resa più accogliente con la realizzazione della pavimentazione. [...]

Convento cappuccino di San Francesco

,

Il Convento Cappuccino è annesso alla chiesa medioevale di Sant’Agata (1145-60). La sua costruzione risale al 1631 per volontà del Vescovo Ambrogio Machin, che consegnò all’Ordine l’area circostante la chiesa perché vi edificasse il convento e coltivasse una porzione di terreno per le esigenze della comunità. In quell’occasione fu ristrutturata la chiesa con lavori alla facciata, al tetto e con opere di suddivisione dello spazio interno. Il complesso, costruito grazie alle offerte dei fedeli, [...]

Chiesa ortodossa San Giuda Taddeo Apostolo

, , ,

Situata nella via Cagliari, nasce nel 1983 ad opera di Padre Giorgio Gerace spinto dal suo amore per la Chiesa Orientale e per il popolo sardo. La Parrocchia appartiene al Patriarcato di Costantinopoli, è guidata dalla Metropolia (Arcidiocesi) di Italia e Malta e rappresenta una delle prime testimonianze di ritorno del culto Bizantino in Sardegna dopo più di dieci secoli. [...]

Chiesa di Santo Stefano Protomartire

, , ,

Progettata dall’Architetto Franco Berarducci di Roma, a partire dagli anni ottanta, è realizzata dall’impresario Antonio Ibba sotto la guida del parroco don Tonio Tagliaferri e con la collaborazione dell’intera comunità parrocchiale. I principi fondamentali che hanno guidato nella ideazione dell’opera sono cosi riassumibili: protagonista della liturgia è il popolo di Dio composto da tutti i fedeli battezzati e rappresentato dalla gerarchia [...]

Vedi Altri