“Economia che crea, economia che distrugge” è il titolo del convegno organizzato venerdì 10 e sabato 11 gennaio dai soci di Banca Popolare Etica della Sardegna meridionale, durante il quale verrà presentata la nuova Presidente nazionale, Anna Fasano, e nasce per trattare l’impegno politico e sociale di una possibile rigenerazione nel Sulcis-Iglesiente.

La prima attività, aperta anche a tutte le persone che vogliano conoscere meglio la banca in un incontro informale durante un rinfresco offerto dagli organizzatori, si svolgerà venerdì 10 gennaio a Cagliari, al Centro culturale ExMa (via San Lucifero 71) con inizio alle ore 20:00. Sarà un dialogo con aperitivo che permetterà anche a coloro che non possono venire a Iglesias di incontrare e conoscere la Presidente nazionale della banca Anna Fasano.
Finanza, sostantivo femminile è il tema specifico della serata, durante il quale verrà sottolineata la novità nel sistema bancario di una banca con una presidente donna e l’attenzione che Banca Etica sta costruendo alle politiche di genere.
Per l’occasione interverrà brevemente anche Fabrizio Frongia, presidente di Imago Mundi, socio finanziato regolarmente da Banca Etica.

L’iniziativa proseguirà il giorno successivo con una attività di conoscenza del territorio sulcitano sul Cammino di Santa Barbara, dalla miniera di San Giovanni (appuntamento alla gritta di Santa Barbara alle ore 10:00) fino a Monteponi. Sarà una escursione di circa due ore e mezza aperta a tutti.
Nel pomeriggio, alle ore 15:30 nel Centro culturale di via Cattaneo, a Iglesias, ci sarà il vero e proprio convegno Economia che crea, economia che distrugge, aperto a tutta la cittadinanza. Sono previsti diversi interventi di attori e esperienze del territorio, il dibattito e le conclusioni di Anna Fasano. Al termine, dopo il rinfresco offerto dal GIT, ci sarà un momento conclusivo con gli Scrittori da palco, che leggeranno i loro racconti accompagnati da buona musica.

E’ una banca nata nel 1999 grazie all’impegno di tante persone ed organizzazioni che si sono attivate per costituire un istituto di credito ispirato alla Finanza Etica. Banca Etica è una banca cooperativa dove la gestione democratica è assicurata dalla libera partecipazione dei soci  e nella quale le decisioni vengono prese assemblearmente secondo il principio di “una testa, un voto”.
Con il risparmio raccolto vengono finanziate esclusivamente organizzazioni che operano in quattro settori specifici: cooperazione sociale, cooperazione internazionale, cultura e tutela ambientale. Un dato verificabile e pubblico perchè Banca Etica è l’unica banca in Italia che mostra sul proprio sito tutti i finanziamenti erogati.  Per approfondimenti www.bancaetica.it