Tula è un grazioso paese del Monte Acuto – Logudoro di poco più di 1500 abitanti. Posto ai piedi dell’altipiano di Su Sassu, confina, a nord ed est, con l’Anglona e la Gallura. Da questa posizione si apre verso la vasta piana di Chilivani e della Media Valle del Lago Coghinas. A questa particolare collocazione deve la notevole varietà di paesaggi e la posizione panoramica, di cui è possibile gustare, in tutta la sua ampiezza, la visione del Lago Coghinas, risalendo il territorio comunale fino al monte Sa Sia, dove sorge l’omonima frazione.
Sempre per la sua posizione aperta sulla fertile pianura del Rio Mannu-Coghinas, naturalmente protetta e adatta all’agricoltura e all’allevamento, il suo territorio vanta insediamenti umani molto antichi. Ciò è dimostrato dalla scoperta nell’area di Sa Mandra Manna di monumenti risalenti ad un periodo compreso tra il Neolitico e l’Età bizantina, e dalla presenza di vari nuraghi, di cui i meglio conservati sono il Mannu, il Sa Pigalva e il S’Arroccu. I caratteri particolari della sua geografia e della sua storia si riassumono nel toponimo del paese che viene fatto derivare da latino tabula, indicante una riquadro di terreno o di vigna. Ma sarebbe in realtà di origine preromana e dall’etimologia oscura. Oltre ai siti archeologici è possibile ammirare, immersa nel suo paesaggio campestre, la chiesa di Nostra Signora di Coros, edificata in stile romanico-lombardo nell’XI secolo e che conserva un retablo del 1577. La chiesa di Sant’Elena  Imperatrice, al centro del paese, in stile prevalentemente preromanico e neogotico, la casa natale di Rino Canalis, martire delle Fosse Ardeatine, e la Cappella di Santa Croce che costudisce un prezioso crocifissori salente probabilmente al 1600.

Benennidos a tottu sos chi cherent passare una die in Tula.
Porgo un caloroso saluto da parte dell’amministrazione comunale che ha voluto aderire per la prima volta al progetto “Monumenti aperti”, occasione straordinaria per visitare il nostro piccolo centro del Logudoro e approfondire la conoscenza della sua storia, le bellezze del suo territorio e le specialità enogastronomiche.
I ragazzi delle scuole medie faranno da guide turistiche ai visitatori nei siti più rappresentativi presenti nel nostro paese, in particolare alla muraglia megalitica di Sa Mandra Manna, testimonianza di insediamento risalente al periodo prenuragico solo in parte conosciuta e sui cui si stanno portando avanti progetti di ricerca e valorizzazione.
Le associazioni culturali e sportive saranno protagoniste durante la serata nella realizzazione del “Beranu in Tula”, rassegna enogastronomica alla sua terza edizione, dove sarà possibile gustare i prelibati piatti della cucina locale lungo le vie del centro storico che narrano la storia del paese e nelle cantine aperte al pubblico, occasione per ritrovarsi all’insegna della conoscenza e del divertimento.
Al progetto Monumenti Aperti abbiamo voluto associare per estensione un momento di approfondimento della cultura ambientale dando la possibilità ai visitatori interessati di recarsi al parco eolico dove saranno accompagnati dagli studenti e da operatori del settore che daranno tutte le informazioni relative al funzionamento e ai benefici derivanti dalla produzione di energia da fonti rinnovabili. Si vuole così legare la conoscenza del passato alla consapevolezza dei temi odierni e delle sfide future.
Una passeggiata all’interno del compendio forestale e una vista panoramica impagabile sul lago del Coghinas faranno da corollario alla visita nel nostro centro che si prospetta di sicuro interesse.

Il sindaco
Gesuino Satta

Informazioni Utili

  • I monumenti saranno visitabili gratuitamente, la mattina di sabato dalle 09.30 alle 12.30 e il pomeriggio dalle 15.00 alle 18.30.
  • Per la visita ai siti si consigliano abbigliamento e scarpe comode.
  • È facoltà dei responsabili della manifestazione limitare o sospendere in qualsiasi momento, per l’incolumità dei visitatori o dei beni, le visite ai monumenti.
  • In alcuni siti la visita potrà essere parziale per ragioni organizzative o di afflusso.

e-mail: cultura@comune.tula.ss.it

Info Point: Ufficio Cultura-Biblioteca, corso Repubblica 80, tel. 3425479365

  • Comune di Tula
  • Istituto Comprensivo Ozieri – Scuola secondaria di primo grado di Tula
  • Enel
  • Luca Doro, archeologo
  • Corpo forestale di vigilanza ambientale di Oschiri
  • Forestas – Cantiere Coghinas Tula
  • Logudoro Servizi SRL

Iniziative speciali

Eventi
Gusta la città