Incluso nel Parco Archeologico di Monte Sirai, il Nuraghe Sirai (XIV-VI sec. a.C.), è un sito di eccezionale interesse per la conoscenza dell’ultima fase della civiltà nuragica e della presenza fenicia in Sardegna. La fortezza (625-550 a.C. ca.) è un insediamento unico, cinto da possenti fortificazioni di tipo orientale; di forte vocazione produttiva (ceramica, pellami, metalli, e soprattutto vetro), è il risultato dell’integrazione di una comunità sardo-fenicia, e risulta ormai in luce per un ampio settore dell’abitato, caratterizzato da un’architettura inedita e sperimentale. Il nuraghe, il primo ad essere scavato nel territorio di Carbonia, è inglobato al centro della fortezza, sulla cima della collina; dotato di una planimetria complessa (almeno 5 torri), possiede una grande imponenza e un ottimo stato di conservazione, dovuto alle continue ristrutturazioni avvenute in antico. Durante la visita sarà possibile osservare il circuito delle fortificazioni, compresa la porta pedonale, il complesso dell’area sacra con l’officina del vetro, l’area di macellazione e quella dei forni; verso l’interno, l’atelier per la concia delle pelli per arrivare infine alle imponenti torri e cortine del complesso del nuraghe.