Aritzo

Aritzo è un centro montano della Barbagia, nel cuore della Sardegna, abbarbicato tra paesaggi fiabeschi, nel versante occidentale del massiccio del Gennargentu ad 800 metri di altezza. Fa parte della rete dei “Borghi autentici d’Italia”. 1184 abitanti, terra di artigiani del legno, centro turistico di villeggiatura montana, immerso nel verde di castagneti e noccioleti, patria del Poeta Bachis Sulis e del Pittore Antonio Mura, ricco di storia e di tradizioni, Aritzo ha scelto di mettere in gioco le proprie risorse per creare uno sviluppo di crescita turistico culturale sostenibile. Rinomata la Sagra delle Castagne e delle Nocciole che da 50 anni allieta il fine settimana del mese di ottobre di tutti i Sardi.
L’adesione alla manifestazione di Monumenti Aperti 2023 con il Sistema Museale, le Chiese, il Castello Arangino, la fruizione dell’area SIC del tacco del Texile, i siti archeologici, le neviere di Funtana Cugnada a 1.500 mt. di altitudine, un tempo sede del commercio della neve, fanno parte di questa strategia che mira a far conoscere le nostre eccellenze culturali e ambientali.

INFO :
Per la visita ai siti si consigliano abbigliamento e scarpe comode. Le visite alle chiese saranno sospese durante le funzioni religiose. È facoltà dei responsabili della manifestazione limitare o sospendere in qualsiasi momento, per l’incolumità dei visitatori o dei beni, le visite ai monumenti. In alcuni siti la visita potrà essere parziale per ragioni organizzative o di afflusso. Per informazioni: Info point: Cortile Casa Devilla – Via Caserma 1 Coordinatrice della manifestazione tel. 3408464409 Sistema Museale Tel. 3898731853 Comune di Aritzo tel. 07846272 mail: sinnoesonos@gmail.com

Appartenenti al sistema di reclusione presente in Sardegna dal XVI al XX, deve il suo nome “Sa Bovida” al termine di origine spagnola che significa “volta”, sottopassaggio con arco a sesto acuto. I muri perimetrali della struttura sono realizzati con […]

È un complesso architettonico che conserva intatto il nucleo originario di impianto spagnolo. La struttura si sviluppa su tre livelli ed è introdotta da un imponente ingresso in muratura che conduce a un cortile la cui forma trapezoidale accentua l’effetto […]

Il Castello Arangino è un edificio storico privato appartenuto all’omonima famiglia e situato lungo la via principale del paese. Si presenta come un interessante esempio di castello medievale con una struttura molto diffusa nelle abitazioni signorili del XIX e XX […]

La chiesa parrocchiale di Aritzo rappresenta il fulcro intorno al quale si sono avvicendate le storie dei suoi abitanti. Sorta nel centro storico su un impianto presumibilmente romanico, ha subito nel corso dei secoli numerosi interventi di rifacimento, che ne […]

La chiesa sorge nel rione di “Giarìa”. Le origini della chiesetta sono da collocarsi intorno ai XVII secolo, tra il 1600 e il 1650, quando giunsero ad Aritzo un gruppo di monaci che stabilirono in quel sito la loro sede. […]

Il Museo ha sede nell’ex municipio. È dedicato al pittore, ritrattista e incisore Antonio Mura nato ad Aritzo (Nuoro) nel 1902 e morto a Firenze nel 1972. Artista completo, sia per preparazione professionale che per adeguata cultura, si distinse nell’esecuzione […]

Il Museo etnografico è ospitato all’interno del parco urbano di “Pastissu”. La visita si articola in un percorso espositivo di 8 sale tematiche, in cui sono presenti i reperti relativi alla cultura materiale di una comunità del centro Sardegna. Il […]

Il “Texile” è un monumento naturale situato nel territorio di Aritzo, da cui dista circa due km. Rappresenta uno dei “tacchi” tra i più noti in Sardegna con la sua quota massima di 975 metri sul livello del mare. La struttura […]

- XXVII Edizione

- Edizione XXVIII

Saluti dell'Amministrazione Comunale

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.