Qualche cenno sull'argomento:

Il palazzo civico fu edificato alla ne del secolo XIX sul luogo in cui precedentemente insisteva una modesta Casa del Comune di epoca tardo medievale che ospitava anche il Monte Granatico. Con il crescere delle necessità burocratiche il consiglio comunale deliberò negli anni 1870/1871 la costruzione di un nuovo palazzo Comunale che sostituisse quello più antico ritenuto insufficiente. Molto interessante la sala consiliare con gli interventi di decorazione eseguiti, nel corso degli anni ‘20 del Novecento, su progetto di Francesco Ciusa, scultore sardo di fama internazionale e di Remo Branca, illustratore e pittore. Il progetto dell’edificio fu affidato all’ing. Antonio Cao Pinna mentre i lavori furono materialmente eseguiti dall’impresa di Antonio Sulcis. Questo episodio architettonico coincise con uno dei momenti di massima crescita della città, sostenuta dall’incremento dell’attività mineraria.